22 aprile 2011 Numero 164
ARTICOLI DELLA QUINDICINA

Una piccola eppur grande differenza — Eye to Eye Child Care

Guerra, povertà, malattie sessualmente trasmissibili e abuso di minori. Questi sono soltanto alcuni dei problemi che affliggono Uvira — una città situata nella parte centro-occidentale della Repubblica Democratica del Congo (RDC). In una terra dove un equo e solido sistema di giustizia è ancora irraggiungibile, e dove la costruzione sociale e il welfare sono stati spesso bypassati nel trambusto dell'agitazione politica ed economica, è indubbio che siano i bambini ad avere maggiore necessità di aiuto e assistenza.

Ed è proprio ciò che muove la Eye to Eye Child Care.

Fondata nel 2006 da Oscar Benjamin, la EECC è la storia di una visione dell'infanzia che si sta realizzando attraverso pura determinazione e coraggio. Trattandosi di un'organizzazione comunitaria per il benessere dei bambini, la EECC aiuta i bambini a Uvira e Fizi nella RDC ad abbandonare le strade, i bassifondi e, soprattutto, ad andare a scuola.

Con l'obiettivo di fornire assistenza e supporto psicologico ai bambini bisognosi, la EECC è una sorta di paradiso sicuro dove potersi lasciare alle spalle gli orrori vissuti e sperimentare in qualche modo una sembianza di normalità. La EECC offre cibo e istruzione elementare ai bambini e sta cooperando con il governo per organizzare delle campagne contro l'abuso fisico e sessuale perpetuato ai danni dei bambini e per fermare il lavoro forzato.

Per Oscar Benjamin, la EECC non è un sogno divenuto realtà, ma una necessità. "Essendo io stesso di Uvira, dove altro potrei andare? Questa è casa mia: questi sono i miei piccoli fratelli e sorelle. Sono determinato a rimanere qui e aiutarli a cambiare le loro vite. Non esiste una risposta semplice alle complicate e tristi condizioni di vita di Uvira. Lo dovrei sapere bene. Ma ciò che ho imparato è che ogni cambiamento — seppur piccolo, può fare un'enorme differenza nelle vite dei miei piccoli fratelli e sorelle", dice sulla sua pagina di facebook. EECC

AFFILIATI

In ricordo di WREN

Dopo una decina d'anni trascorsi a sensibilizzare e a fare pressione sui governi canadesi sulle problematiche dei rifugiati, il Winnipeg Refugee Education Network (WREN) ha cessato la sua attività.

Robyn Mossman, uno dei fondatori di WREN, ha parlato della sua esperienza e dei ricordi legati a questa organizzazione.

 l'uccellino davanti a una candela del <span xml:lang='en' lang='en'>Winnipeg Refugee Education Network (WREN)</span>
Logo di WREN

Nel 2000, proseguendo il loro lavoro per Amnesty International, Robyn, le sorelle Kate e Linda Mossman, Amanda Aziz, David Eisbrenner, Louise Simbandumwe, Hla Win, Jillian Todd e molti altri si riuniscono per fondare WREN con il proposito di sensibilizzare sempre di più il pubblico sulle problematiche dei rifugiati. Il logo di WREN presenta sullo sfondo una interpretazione della candela di Amnesty, a testimoniare l'influenza avuta da questa organizzazione. WREN

Come per ogni lettera d'informazione o di rivista, RESPECT e-Zine si sforza di comunicare articoli e notizie interessanti concernenti i profughi del mondo intero.

Se avete dei consigli o volete contribuire sotto forma di articoli, grazie per contattare l'editrice dell'e-Zine Angela Carter a editor@respectrefugees.org.

Se desiderate disabbonarvi da e-Zine, per favore modificare le vostre preferenze alla pagina: subscriptions.respectrefugees.org/index.php (english)
subscriptions.respectrefugees.org/index.php (español)
subscriptions.respectrefugees.org/index.php (français)
subscriptions.respectrefugees.org/index.php (italiano).