21 marzo 2008 Numero 121

 Back to the Newsletter

L'università di RESPECT allarga i propri orizzonti

L'università RESPECT si è mossa recentemente in Guinea, in Uganda, in Sierra Leone ed in Tailandia. In Uganda è previsto che 80 studenti possano usufruire dei corsi tenuti dai nostri tutori. Grazie all'aiuto supplementare di Marc Schaeffer, il presidente e fondatore di RESPECT International, si è potuta installare una connessione internet regolare con un affiliato in Ghana.

In una e-mail Omar Kaba, uno studente della Guinea scrive: "Coglierei questa opportunità per ringraziare voi, così come l'organizzazione RESPECT in Canada per i computer e l'accesso ad Internet".

"Ne siamo tutti molto riconoscenti. Da parte dei miei compagni di classe e degli altri studenti della scuola per rifugiati della comunità di Mohomou, vorrei dirvi grazie mille. Apprezziamo il vostro sforzo che mira a migliorare le nostre vite".

Aggiunge: "Voglio anche che facciate del vostro meglio perché alcuni di noi ottengano almeno un certificato in alcuni corsi che svolgiamo affinché, tornati a casa, noi stessi potremo insegnare ai nostri fratelli che non hanno avuto la fortuna di andare a scuola a causa della guerra".

Ci sono molte attività alla Università di RESPECT al momento. Le iscrizioni sono aperte, gli studenti si sono messi in lista, nuovi tutor di volontari stanno aderendo e altre organizzazioni no-profit (ONG) che lavorano per sfollati e rifugiati si stanno unendo a noi per beneficiare del nostro programma.

Con un gesto che dimostra il vero spirito dell'Università di RESPECT, Elizabeth Radziszewski (una tutor della Università di RESPECT) e i suoi studenti degli Stati Uniti, hanno raccolto 50 libri che sono stati spediti ai suoi studenti sfollati in Sierra Leone.

Ai suoi studenti sta a cuore aiutare i nostri studenti con materiale che a loro può servire per lo studio di varie materie. Ci si auspica che questa iniziativa cresca in un movimento che alla fine dissolva tutti i confini artificiali.

L'Università di RESPECT rende onore a Elizabeth, e i suoi studenti, per tutto l'aiuto che continua ad offrire.

Infine, Omar spera di ritornare un giorno a casa ed aiutare la sua comunità a vivere una vita dignitosa con l'istruzione che spera di ottenere con l'Università di RESPECT.

Il nostro sforzo di cambiare la sua vita (e molte altre come la sua) in meglio attraverso l'istruzione è in corso e continuerà fino a quando non raggiungeremo tutti coloro che hanno le capacità per imparare ma non hanno i mezzi.

 Back to the Newsletter